Dipingo una poesia, la mostra pro Anffas a Pandino

Cremaonline, 14 aprile 2022. Disabilità, ‘sinergia e umanità per vivere bene’
14 Aprile 2022
La provincia di Cremona, 15 aprile 2022. Disabilità. “Serve collaborazione”
15 Aprile 2022

La mostra di Uni-Crema per Anffas raggiunge Pandino. Fino al 21 aprile sarà allestita presso il centro sportivo Blu Pandino

Pandino , 15 aprile 2022 – Prosegue il tour cremasco della mostra di Uni- Crema per Anffas Dipingo una poesia. Da ieri, venerdì 14 aprile a fino a giovedì 21 aprile è allestita a Pandino, presso il centro sportivo Blu Pandino di via Roggeto 5. Durante la serata conclusiva è previsto alle ore 20.30 un momento con declamazione delle poesie. La mostra è visitabile negli orari di apertura del centro sportivo.  

Il progetto, curato dal docente Enzo Lana, con la collaborazione di Marisa Bellini, Renata Boselli, Giuliana Guerri e Claudio Demicheli è sorto durante il primo lockdown ed ha coinvolto gli allievi dei corsi di recitazione e pittura, oltre che la compagnia teatrale Si va in scena. I corsisti, anzi gli artisti, cremaschi hanno realizzato 34 opere, dopo che a sorteggio era stata assegnata loro una poesia che ha ispirato i dipinti. Ogni opera è stata creata a tecnica libera in formato A 4. Sono stati creati anche un libro, o meglio un catalogo delle opere realizzate ed un video esplicativo con le voci della compagnia teatrale Si va in scena. A maggio verrà prevista un’asta finale e tutto il ricavato verrà devoluto ad Anffas Crema. “L’intento è quello di diffondere il bene attraverso l’arte. Attraverso la bellezza” aveva spiegato Lana. Per la presidente di Anffas Aps Daniela Martinenghi “è davvero bello che questo viaggio insieme continui: un modo diverso di fare inclusione che ci consente anche di ammirare il talento di tante persone che hanno scelto di sostenere la nostra associazione divertendosi”. La tappa in un centro sportivo è insolita. Come spiega l’amministratore Alberto Bonetti: “abbiamo voluto portarla qui per parlare ad un target diverso, magari più giovane. Un modo per consentire anche ai ragazzi di conoscere più da vicino l’iniziativa e soprattutto l’impegno di una bellissima realtà come è quella di Anffas”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *