ETA’ EVOLUTIVA

Età evolutiva

La presa in carico dei nostri servizi mette la persona al centro di ogni progetto tenendo in considerazione e garantendo l 'unicità e le singole peculiarità mettendo in luce i punti di forza che ognuno possiede. Il progetto di vita dalla diagnosi all'età adulta è alla base di ogni percorso per rispondere in maniera efficace e coordinata ai bisogni delle persone attraverso la progettazione di interventi di tipo medico/riabilitativo, educativi e di inclusione sociale. È fondamentale la condivisione con la famigliae un lavoro di rete con i servizi sociali, con la neuropsichiatria infantile, con la scuola e con il territorio in generale. Le proposte per l’età evolutiva si rivolgono a bambini e ragazzi d’età compresa tra i 0 e 18 anni con disturbi del neurosviluppo e alle loro famiglie. L’obiettivo principale è quello di costruire un progetto di vita che copra tutto l’arco della vita, iniziando dall’età evolutiva e che poi si modifichi e cresca insieme ai genitori e al bambino che diventa ragazzo e poi uomo, prestando un’attenzione particolare alle transizioni più significative quali i passaggi di ciclo scolastici e l’ingresso nell’età adulta (inserimenti lavorativi, inserimenti in servizi educativi per adulti ecc..) I servizi che Anffas Crema ha progettato e sta progettando in questa area sono pensati in modo tale da rispondere ai bisogni che emergono dalle famiglie e dal territorio e sono ponderati tenendo in considerazione l’età cronologica e il tipo di funzionamento. Partendo dall’importanza di una diagnosi precoce, passando per interventi prima riabilitativi e poi educativi adeguati per giungere a garantire la miglior qualità di vita possibile nell’età adulta. Questa prospettiva di intervento a lungo termine prevede un approccio teorico condiviso con tutti i servizi Anffas


Il tubero

dal Polo di Neuropsichiatria all’età adulta

Il Polo di Neuropsichiatria Infanti le “ Il Tubero” raccoglie l ’eredità del “Sevizio Pedagogico Anffas” nato nel 2006. Svolge attività di diagnosi, cura e riabilitazione dei bambini e ragazzi nella fascia di età tra 0 e 18 anni con l’intento di garantire una presa in carico globale del minore e del la sua famiglia nel contesto di vita. La presa in carico prosegue con la transizione verso l 'età adulta attraverso progetti individualizzati .

I servizi proposti dal Polo sono:

• Percorso valutativo e diagnostico

• Interventi riabilitativi ( logopedia, psicomotricità, intervento psicoeducativo individuale e di gruppo)

• Interventi pedagogici specifici per le difficoltà di apprendimento Interventi con il metodo Feuerstein

• Osservazioni in contesti di vita (casa, scuole. . )

• Interventi di sensibilizzazione e conoscenza dei disturbi del neurosviluppo all’interno delle singole classi scolastiche

• Consulenza agli istituti comprensivi

• Formazione agli insegnanti

• Parent-training per i genitori

• Percorsi per i siblings


L'EQUIPE MULTIDISCIPLINARE DEL POLO DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

Coordinatore: dott. Carrera Fabrizio

Neuropsichiatra infantile: dott.ssa Pozzi Tiziana

Responsabile Disturbi Pervasivi del Neurosviluppo e supervisione del l'equipe autismo: dott.ssa Faggioli Raffaella

Responsabile Disturbi Specifici dell'Apprendimento: dott.ssa Coco Francesca

PSICOLOGHE

• dott.ssa Bettinelli Giulia

• dott.ssa Coroneo Elisa

• dott.ssa Dalmiani Michela

• dott.ssa Nichetti Giulia

• dott.ssa Soccini Alice

LOGOPEDISTE

• dott.ssa Galuppo Matilde

• dott.ssa Groppelli Giulia

• dott.ssa Parodi Biancamaria

TERAPISTE DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA’ DELL’ETA’ EVOLUTIVA

• dott.ssa Foieni Valentina

• dott.ssa Mapelli Silvia

• dott.ssa Moretti Chiara

PEDAGOGISTA

• dott.ssa Cassanelli Silvia

SEGRETERIA

• Molinari Monia


Laboratorio Intensivo

Il laboratorio è nato per rispondere ai bisogni riabilitativi di bambini con grave disabilità (Autismo a basso funzionamento, Ritardo mentale, Sindromi genetiche...) che necessitano di interventi personalizzati i quali abbiano le caratteristiche della precocità, intensità ed integrazione finalizzati ad accrescere le autonomie (personali, relazionali, sociali) necessarie per una buona qualità della vita. Per soddisfare tale necessità, vengono proposti trattamenti intensivi e mirati al fine di far emergere le potenzialità esistenti del bambino ed acquisire le maggiori autonomie possibili.Il laboratorio intensivo ha una frequenza di tre pomeriggi a settimana per quattro ore dal mese di settembre fino a giugno.

Obiettivi generali e specifici

• Garantire ai bambini con autismo a basso funzionamento la possibilità di beneficiare di interventi:

• Efficaci: colmare il più possibile il gap tra le potenzialità del minore e quanto effettivamente da lui agito La sua qualità di vita adulta sarà fortemente condizionata dall’acquisizione più o meno precoce delle possibili autonomie.

• Personalizzati: il progetto riabilitativo (e più in generale il progetto di vita) deve essere in grado di interagire con i limiti e le potenzialità sia del minore che del suo contesto di vita (famiglia, scuola, contesti relazionali informali, ambienti di vita).

• precoci: che si avviino quanto prima, per sviluppare al meglio le potenzialità di ciascun bambino;

• intensivi: che abbiano una durata e frequenza superiore alle singole terapie riabilitative ambulatoriali e caratteristica di continuità nell’arco dell’anno.

• integrati: che generino benessere in tutti i soggetti della rete formale e informale.

• Supportare i genitori nell’acquisizione di competenze/strumenti per una gestione famigliare più efficace e serena.

• Offrire alla scuola uno spazio di osservazione, confronto, co-progettazione che metta al centro il bambino e le sue esigenze di crescita.

Laboratorio Educativo

Il servizio educativo, rivolto a ragazzi autistici a basso funzionamento dai 10 ai 18anni intende trasferire le competenze acquisite nel percorso abilitativo in competenze di vita quotidiana, partendo da un ambiente strutturato e semplificato, per passare gradualmente alla generalizzazione di tali competenze in contesti il più naturali possibili. Ha una frequenza di tre pomeriggi alla settimana per quattro ore dal mese di settembre fino al mese di giugno.

Gli obiettivi riguardano:

- Autonomie di base

- Scelta e l’utilizzo costante della forma di comunicazione più adatta per ogni bambino a supporto o in alternativa alla comunicazione verbale

- Relazione con gli altri impostando momenti di gioco e lettura strutturati per facilitare e stimolare la reciprocità sociale

- Inclusione sociale

- Generalizzare le capacità raggiunte in diversi contesti

PROGETTI

SABATO TRA AMICI

Il progetto Sabato tra amici prevede degli appuntamenti con frequenza mensile con l’obiettivo della valorizzazione del tempo libero e di creare dei gruppi dei pari che per interessi comuni possano organizzarsi ed incontrarsi anche al di fuori delle iniziative dell’associazione. Il fine di favorire la socializzazione tra pari viene perseguito attraversola conoscenza delle proposte che offre il territorio cremasco (apericena, bowling, cinema, uscita a cena e/o a mangiare un gelato, ludoteca, piscina ecc). Inoltre è prevista anche una gita finale di fine percorso nel mese di giugno.

I CENTRI ESTIVI

Per Filo e per Segno. Erogato nel mese di luglio, in collaborazione con la Cooperativa sociale Filikà, è un servizio di animazione del tempo estivo strutturato per bambini e ragazzi della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, con un basso funzionamento afferente allo spettro autistico. I minori che accedono manifestano fragilità importanti nella comunicazione e necessitano di una strutturazione degli spazi e del tempo, di strumenti adeguati e per questo difficilmente inseribili nei grest parrocchiali.

Gli obiettivi sono:

- Dare un sollievo alla famiglia

- Lavorare sull’area dello sviluppo personale e sulle abilità sociali

- Fare esperienza di animazione del tempo estivo come tempo libero in cui il minore può esercitare la propria capacità di scelta

La città in tasca: La “Città in Tasca” è uno spazio di animazione estiva rivolto a ragazzi dagli 11 ai 18 anni con diagnosi di autismo a buon funzionamento e un discreto livello di autonomia. Ha una capacità recettiva di 15 ragazzi e viene proposto per il mese di luglio. È una proposta per la valorizzazione del tempo libero attraverso attività ludiche-ricreative. È prevista una gita settimanale sul territorio fuori Crema con l’obiettivo di avviare insieme ai ragazzi un lavoro di progettazione di piccoli viaggi (scelta dei mezzi di trasporto, prenotazione dei biglietti, organizzazione ed eventuale prenotazioni di attività da svolgere nel luogo scelto)

Obiettivi:

- Favorire il benessere emozionale andando ad ampliare la rete di conoscenze intorno alla persona ;

- Fornire un ventaglio di possibilità ed opportunità per il tempo libero facendo esperienza anche di giochi e attività da svolgere in gruppo;

- Aumentare l’adeguatezza e la frequenza delle relazioni interpersonali con i pari e con le persone che vivono e frequentano la città;

- Utilizzare i servizi e le opportunità che la città di Crema offre nel periodo di luglio (come biblioteca, piscina comunale, supermercati ecc..);

- Acquisire autonomie per un adeguato sviluppo personale in correlazione all’età (fare la spesa, cucinare, riordinare e tenere in ordine gli ambienti, utilizzo del denaro, ecc);

- ottenere autonomie di movimento a Crema

PROGETTO ZOOM

Rivolto a minori con disabilità intellettiva medio/lieve di età compresa tra i 12 e i 18 anni e mira a far emergere le potenzialità ancora inespresse importanti per condizionare In modo positivo la qualità della loro vita adulta.

Vengono proposte varie attività, tra cui laboratori creativi (arte, animazione musicale, espressività corporea ecc), sulle autonomie personali e sociali, di valorizzazione del tempo libero e di inclusione sociale. La proposta prevede anche il coinvolgimento degli altri attori coinvolti nell’elaborazione del progetto di vita del ragazzo. Per questo vengono previsti incontri con le famiglie, incontri di raccordo con la scuola e con gli altri enti pubblici/privati che lavorano con il minore. Sono attività del progetto anche l’orientamento nella scelta della scuola superiore di secondo grado e l’attività di accompagnamento verso l’uscita dal percorso scolastico e il conseguente orientamento nella scelta dei percorsi dell’età adulta.

Obiettivi:

• Favorire il benessere personale

• Sviluppare e/o potenziare autonomiepersonali

• Costruire un tempo libero di qualità

• Promuovere e consolidare relazioni solide esignificative con i pari

• Modificare il contesto al fine di renderloaccogliente e inclusivo